Concerti: ecco la line up completa del Revolution Camp 2017!

Il Revolution Camp, come sapete è anche musica e divertimento. Grazie alla collaborazione con iCompany il Revolution Camp 2017 offrirà una fantastica line up musicale!
C’è di più: i concerti saranno completamente gratuiti e verranno poi seguiti, per i campeggianti, da un DJ Set notturno al Revolution Bar.
Prenotati ora per il Villaggio Studentesco!

Sul palco:
28.07.2017 – Soviet Soviet
29.07.2017 – Li Strittulli + Corte dei Miracoli
30.07.2017 – Willie Peyote
31.07.2017 – Giorgio Poi
01.08.2017 – La Rappresentante di Lista
02.08.2017 – Dargen D’Amico festa. Isabella Turso + Dutch Nazari
03.08.2017 – Altre di B
04.08-2017 – Meganoidi
05.08-2017 – Pop X

SOVIET SOVIET
I Soviet Soviet nascono nel 2008 sulla costa adriatica di Pesaro e sono formati da Andrea Giometti (voce e basso), Alessandro Costantini (chitarra) e Alessandro Ferri (batteria). Cominciano a guadagnare notorietà nel 2009 con una manciata di singoli autoprodotti e un lungo tour, che porterà alla pubblicazione dei lavori “Summer”, “Jesus” e “Nice” e in seguito del primo album in studio “Fate”, uscito l’11 novembre 2013 sull’etichetta americana Felte. Con la stessa etichetta incidono nel 2016 l’album “Endless”.

LI STRITTULI
Nella tradizione orale del Salento uno degli elementi più caratteristici e significativi è “cantare e suonare insieme”, perché attraverso il canto, la musica, gli strumenti musicali vengono espressi gli stati d’animo che caratterizzano l’identità e la cultura di un popolo. Il gruppo Li Strittuli nasce nell’inverno nel ’98 dal bisogno di riconoscersi in una identità di popolo, in esso vi confluiscono giovani musicisti che si propongono di diffondere il patrimonio musicale del salento e della grecia salentina.

CORTE DEI MIRACOLI
La Banda del Folk, dall’Irish alle Pizziche pugliesi, dalle Mondine ai Partigiani. La musica della Resistenza, della Memoria, dell’impegno civile. È l’unica realtà pavese folk/rock.
Con all’attivo 10 anni di concerti la Corte non si è mai fermata, portando la musica folk/rock, anche socialmente impegnata, per tutto il nord/centro Italia e all’estero con sempre un ottimo riscontro da parte del pubblico.

WILLIE PEYOTE
Willie Peyote (Guglielmo Bruno, classe 1985) è un rapper torinese, uno degli artisti più interessanti e innovativi della scena hip-hop italiana. Oltre ad essere conosciuto come solista, Peyote è la voce del gruppo Funk Shui Project. A seguito dello scioglimento del gruppo intraprende la carriera solista facendo del cinismo, dell’originalità e dell’autoironia il suo marchio di fabbrica, com’è facilmente intuibile dai titoli dei dischi pubblicati: “Il Manuale del giovane nichilista” del 2011, “Non è il mio genere, il genere umano” del 2013 ed “Educazione Sabauda” del 2016.

GIORGIO POI
Il suo disco d’esordio “Fa Niente” uscito nel febbraio 2017 per Bomba Dischi/Universal non smette di raccogliere entusiasmanti riscontri testimoniati non soltanto dalle innumerevoli uscite sulla stampa specializzata e sul web ma soprattutto da un crescente seguito di spettatori durante il suo primo giro di concerti. Ora Giorgio Poi è pronto per affrontare una lunga e calda estate live in giro per l’Italia.

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA
La Rappresentante di Lista torna con il suo primo album live registrato durante il tour di “Bu Bu Sad”, ultima release in studio data alle stampe nel dicembre del 2015 per Garrincha Dischi. Un concerto fatto di musica e teatro che ha riempito le sale dello stivale e che li ha consacrati come una delle band rivelazione dell’ultima stagione. Sul palco una delle voci più potenti della scena italiana, quella di Veronica Lucchesi, accompagnata da Dario Mangiaracina (attore, poli-strumentista e membro fondatore insieme a Veronica), Enrico Lupi (tromba e synth), Marta Cannuscio (fisarmonicista prestata alle percussioni) ed Erika Gold (corista con in tasca la pietra filosofale).

DARGEN D’AMICO feat. Isabella Turso
Dargen D’Amico padroneggia come pochi la lingua deflagrata di oggi. Fate caso al funambolismo con cui adatta la pesantezza polisillaba delle nostre parole alla carta quadrettata del beat, o a all’eleganza del suo lessico, o ancora alla disinvoltura dell’accentazione e delle cesure, a come riesce a far risuonare un’immagine dopo che la parola è svanita. Porta in tour da aprile “Variazioni”, il suo ottavo disco che cambia di nuovo le carte in tavola fondendo il rap con la musica colta grazie al pianoforte di Isabella Turso, dando vita ad un progetto originale, intenso ed emozionale interamente prodotto da Tommaso Colliva.

DUTCH NAZARI
Dutch Nazari, classe 1989, è nato e cresciuto a Padova, dove all’età di 16 anni si è avvicinato alla scena hiphop, contribuendo a fondare il collettivo Massima Tackenza, gruppo tuttora musicalmente attivo.
Nel 2014 Dutch Nazari entra nel roster di Giada Mesi, etichetta fondata da Dargen D’Amico, con la quale nell’autunno dello stesso anno pubblica l’ep dal titolo “Diecimila Lire”. Nell’estate del 2016 esce l’ep “Fino a Qui”, sei tracce (cinque inediti ed un remix), che accompagnano i fans in continua crescita verso la pubblicazione di “Amore Povero”, il primo album sulla lunga distanza, in uscita per l’etichetta Giada Mesi, in collaborazione con Undamento Records.

ALTRE DI B
Da quando si sono formati nel 2005 ALTRE DI B hanno suonato centinaia di concerti in tutta Europa, mostrando al pubblico una sonorità vivace ed energica che si ispira a band come Tv on the Radio e The Vines, alle quali si ispirano. Dopo aver portato il secondo album Sport sui palchi dell’Ypsigrock Festival, dello Sziget Festival, di New York City e lungo la West Coast degli Stati Uniti per un tour DIY, ALTRE DI B hanno suonato al Primavera Sound e all’SXSW Festival per presentare il nuovo album “Miranda!”, dove lo spirito punk della band incontra groove down tempo.

MEGANOIDI
La storia dei Meganoidi comincia a Genova, dove la band si forma nel 1997 grazie al fondamentale supporto di alcuni centri sociali genovesi. Nel ‘98, dà alle stampe “Supereroi VS Municipale”, EP d’esordio completamente autoprodotto che rivela, seppur ad uno stadio ancora embrionale, quelli che saranno i tratti distintivi di ogni futuro progetto dei Meganoidi: autoproduzione ed autodeterminazione artistica.
Venti anni e cinque dischi in studio dopo sono ancora sul palco con un tour che ripercorrerà tutta la loro storia, dall’inizio fino ad oggi, un vero e proprio live racconto.

POP X
Pop X da Trento è il nome dietro il quale si celano Davide Panizza e i suoi sodali. Il progetto più indecifrabile venuto fuori dal panorama pop indipendente italiano degli ultimi anni. È impossibile descriverlo completamente, cosa sia Pop X è nelle orecchie di chi ascolta le sue composizioni e negli occhi di chi partecipa ai baccanali che sono le performance live che sono già diventate leggenda. Elettronica che sembra uscita dal cabinato di una qualche sala giochi anni ottanta, testi al limite dell’assurdo, attitudine “punk”, creatività esplosiva, ma c’è molto altro ancora che non è possibile spiegare utilizzando le parole.